Notizie

Notizie

Oggi, l’avvio della concessione a Carpi

Oggi, l’avvio della concessione a Carpi

È con piena soddisfazione che oggi Barbara B ha inaugurato un nuovo, importante contratto: la gestione in concessione quinquennale delle aree cimiteriali del Comune di Carpi (MO).

Per la nostra società, si tratta di un notevole traguardo che si aggiunge alla gestione in concessione quindicennale dei cimiteri della Città di Piacenza.

Una carezza contro l’abbandono: una piantina sulle tombe dimenticate

Una carezza contro l’abbandono: una piantina sulle tombe dimenticate

Il Libertà di Piacenza dà forte risalto alla nostra iniziativa “UN FIORE PER NON DIMENTICARE”, realizzata con la collaborazione de il Gruppo Fioristi Confcommercio Piacenza, grazie alla quale è stata posta una piantina di erica sulle 300 tombe che da troppo tempo non venivano curate.

UN FIORE PER NON DIMENTICARE

UN FIORE PER NON DIMENTICARE

Barbara B, in qualità di socia di maggioranza della società di progetto Piacenza Servizi Cimiteriali, ha collaborato a dar vita ad una nuova iniziativa: UN FIORE PER NON DIMENTICARE, cui ha aderito, con entusiasmo, il Gruppo Fioristi Confcommercio Piacenza.
L’idea nasce da una verifica che ha riscontrato come nei cimiteri urbani piacentini attualmente ci siano circa 300 tombe abbandonate, perché le persone sepolte non hanno più alcun parente in vita che possa occuparsene. Ma una comunità deve ricordare anche chi non ha più nessuno a commemorarli.

Barbara B a Genova

Barbara B a Genova

Dal 1° ottobre, Barbara B ha preso in carico i servizi cimiteriali di 14 cimiteri del levante genovese e della Val Bisagno. Al servizio della cittadinanza, la nostra cooperativa oltre alle operazioni cimiteriali si occuperà della pulizia dei percorsi interni delle aree cimiteriali, affinché i cittadini genovesi possano fruirne in piena sicurezza.

All’ombra del Vesuvio

All’ombra del Vesuvio

Barbara B, in RTI con un’impresa locale, la Emilio Guadagno srl, dal 26 agosto è gestore dei servizi cimiteriali nel Cimitero Monumentale di Napoli, con un contratto di due anni.

Inutile celare la nostra soddisfazione per un traguardo imprenditoriale e professionale così importante per la nostra cooperativa sociale.

Ora non dobbiamo che metterci al lavoro, al servizio dei cittadini napoletani.

L’emergenza Coronavirus ha messo a dura prova l’intero sistema

L’emergenza Coronavirus ha messo a dura prova l’intero sistema

Attività funerarie e cimiteriali, cremazione, gestione del settore e dei suoi operatori. L’emergenza coronavirus ha messo a dura prova l’intero sistema, soprattutto in alcune zone d’Italia, ma complessivamente l’apparato ha retto bene, pur con qualche naturale criticità. Per stilare un bilancio della situazione attuale, parlare di come è cambiato l’ambito e di quali saranno le prospettive future non c’è professionista più indicato dell’ingegner Daniele Fogli, una delle massime autorità a livello italiano e internazionale del settore.

Burn out e rischi psico-sociali: lavorare nel settore funerario può significare anche questo

Burn out e rischi psico-sociali: lavorare nel settore funerario può significare anche questo

Operatori dei cimiteri, delle cremazioni e delle camere mortuarie, oltre a chi è impiegato all’interno delle agenzie funebri, possono andare incontro a difficoltà assimilabili alle professioni sanitarie. Gli studi scientifici sullo stress lavoro-correlato del settore sono pochissimi, così l’Università di Torino sta provando a capire, utilizzando una metodologia di ricerca rigorosa, quali sono problematiche lavorative degli operatori. Da più di due anni uno staff coordinato dalla responsabile scientifica Lara Colombo, professoressa associata del Dipartimento di Psicologia dell’Università di Torino, sta sviluppando una ricerca (finanziata dalla Fondazione San Paolo) per valutare rischi e i fattori protettivi legati allo stress di chi quotidianamente ha a che fare con il lutto. Insieme a lei operano le ricercatrici Annalisa Grandi e Gloria Guidetti.

Ringraziamenti della Protezione Civile – Barbara B al servizio delle famiglie colpite dal Covid-19

Ringraziamenti della Protezione Civile – Barbara B al servizio delle famiglie colpite dal Covid-19

Nei primi giorni di chiusura dovuti alla pandemia, raggiungere e comunicare alle famiglie la scomparsa dei propri cari non è stato un compito semplice per le autorità sanitarie. È così che una signora australiana non avendo più notizie da settimane di un suo parente, residente a Nichelino, e non sapendo più a chi rivolgersi, ha chiamato direttamente l’ufficio del cimitero. Il nome non era però presente nel sistema interno ma un nostro esperto collega, avendo memorizzato il nome dello scomparso, tra i primi deceduti dell’epidemia di Covid-19, è riuscito a localizzare prontamente la salma all’interno della vasta area cimiteriale. I ringraziamenti della famiglia e della protezione civile sono un importante riconoscimento dell’operato del nostro collega ed un esempio di come tramite il sostegno diretto alle famiglie emerga naturalmente il carattere di impresa di comunità di Barbara B.

Inaugurazione dei Totem al cimitero di Sesto San Giovanni

Inaugurazione dei Totem al cimitero di Sesto San Giovanni

Il 6 giugno, sono stati inaugurati i nuovi Totem al Cimitero di Sesto San Giovanni alla presenza del sindaco. Grazie a questi strumenti sarà possibile visualizzare sulla mappa del cimitero l’esatta ubicazione del defunto tramite la Banca Dati Cimiteriale facilitando, così, i visitatori nella ricerca dei propri cari.

Emergenza Covid-19 al Cimitero di Piacenza

Emergenza Covid-19 al Cimitero di Piacenza

Negli scorsi mesi, la drammatica situazione vissuta dalla città di Piacenza è stata raccontata dai giornali che hanno anche dato risalto a come siano stati garantiti da Barbara B efficienti servizi cimiteriali in condizioni di emergenza. Tutto ciò è stato possibile grazie all’importante lavoro dei nostri colleghi e ad una pronta gestione e riorganizzazione sul campo del servizio.